Preservativi Femminili

Non tutti lo sanno ma esiste anche un preservativo femminile

Ottima barriera per una procreazione responsabile.

condom per donneLa storia del preservativo femminile non è una di quelle leggende metropolitane che circolano sul web ma è una realtà che sta prendendo piede tra le donne italiane.
Si tratta di un profilattico a tutti gli effetti con la sola differenza che ad indossarlo non sono gli uomini ma le donne.
È doveroso menzionare le remore che ancora esistono nel mondo femminile a causa dell’insufficiente informazione.
Tuttavia, il preservativo femminile è un’eccellente barriera per le donne che non vogliono una gravidanza indesiderata e per quelle che vogliono proteggersi da malattie sessuali.

Il preservativo femminile è quasi simile a quello dell’uomo solo che presenta una base più larga per permettere al membro maschile di penetrare in vagina con la massima facilità
Diciamo che ancora non si è entrati nell’ottica giusta e questo elemento non è ancora stato apprezzato ma le donne che lo utilizzano si reputano contente e giudicano il preservativo femminile una buona alternativa a quello maschile.
Man mano che i profilattici femminili prendono piede, essi vengono migliorati dalle case produttrici ma a tutt’oggi, possono annoverarsi tra gli elementi contraccettivi con alto grado di sicurezza.

Una guaina protettiva affidabile da conoscere meglio

Imparare ad indossare il preservativo.

Inizialmente, per introdurre in vagina il preservativo femminile occorre un pò di pratica ma non bisogna scoraggiarsi se appare difficoltoso perché non è affatto così.
È importante individuare la postura corretta per poter infilare la guaina idoneamente.
Il preservativo è realizzato con un anello esterno ed uno interno.

Quello interno è chiuso in modo che il liquido seminale non possa uscire mentre quello esterno rimane all’ingresso della vagina ed il pene potrà entrare in questo ‘tunnel’ con la massima sicurezza.
Il modo corretto di indossarlo è quello di divaricare le labbra della vagina e di introdurre la guaina.
Appena dopo il rapporto sessuale, il preservativo va tirato fuori e gettato ma è possibile introdurre il condom femminile in vagina, anche qualche ora prima del rapporto poiché essendo realizzato con materiale anallergico, non provoca nessun tipo di irritazione.
Inoltre aderisce perfettamente alle pareti vaginali e non c’è il rischio che possa restare all’interno.
L’anello situato all’ingresso della vagina, è un valido supporto per sfilarlo facilmente.

Un elemento facilmente acquistabile nei sexy shop

Sicurezza dei materiali e varietà.

Il preservativo femminile non è facilmente reperibile nelle farmacie convenzionate della farmacopea nazionale forse perché poco conosciuto.
La scarsa informazione non ha permesso di pubblicizzare il prodotto che seppur molto valido, può essere acquistato solo nei negozi specializzati.
In passato i condom femminili venivano realizzati in poliuretano ma poi si è preferito passare al nitrile sintetico molto più sicuro e anallergico.
Tutti gli elementi sono certificati e rappresentano una buona protezione per la vagina esterna e la cervice.
Il profilattico è un toccasana specie in quei rapporti con partner poco conosciuti e che involontariamente, potrebbero trasmettere malattie sessuali.
Sono già lubrificati ma è possibile aumentare la lubrificazione con prodotti acquosi o al silicone con cui sono compatibili.
Con l’uso del preservativo femminile non si rischia di rovinare il rapporto sessuale perché sia l’uomo che la donna avvertono le medesime sensazioni e non sottraggono la bellezza e la naturalezza all’atto.